Decarbonizzazione delle consegne

Da
21 ottobre 2022

Per ridurre l'impronta di carbonio, la catena di supermercati olandese Albert Heijn sta passando ai veicoli elettrici e Heliox è al centro dei suoi piani.

Albert Heijn è la più grande catena di supermercati dei Paesi Bassi, con oltre 1.000 punti vendita che forniscono generi di prima necessità a milioni di persone. La storia dell'azienda risale al 1887, ma lo sguardo è rivolto al futuro con l'impegno di lasciare un mondo migliore. Finora, l'azienda ha ridotto le emissionidi CO2 nelle sue attività dell'incredibile 92,3% (rispetto ai dati del 2018). Ora sta affrontando la sfida più importante: la decarbonizzazione della sua flotta, e Heliox la sta aiutando a raggiungerla.

L'attività di Albert Heijn si basa sul trasporto su strada, con una rete di centri di distribuzione e negozi riforniti ogni giorno da un migliaio di veicoli pesanti (HGV) e camion. Oltre a rifornire più di mille negozi, Albert Heijn gestisce una crescente attività di consegna a domicilio, fornendo generi alimentari direttamente alle porte dei clienti. Molti di questi veicoli alimentati a diesel operano nei centri urbani dei Paesi Bassi e del Belgio e, a causa di cambiamenti legislativi, dovranno passare ad alternative senza emissioni nel prossimo futuro.

Albert Heijn ha recentemente annunciato il passo radicale di utilizzare esclusivamente veicoli elettrici per consegnare le merci ai negozi e ai clienti nei centri urbani di Amsterdam, Utrecht, Den Haag e Rotterdam entro il 2023. Mentre era previsto che queste città diventassero zone a emissioni zero entro il 2025, Albert Heijn sta ottenendo un vantaggio sulla concorrenza, afferma Alannah Hoenderdaal, consulente per le competenze in materia di trasporti dell'azienda.  

Gli obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio, sia a livello locale che a livello europeo, impongono a tutte le aziende di agire per ridurre le proprie emissioni e Albert Heijn intende essere all'avanguardia, spiega Hoenderdaal. "Affronteremo zone a emissioni zero, ma sfideremo anche se stessi e i propri partner con ambizioni più elevate verso un trasporto più rispettoso del clima". Le pressioni normative e gli obiettivi più ambiziosi sono fattori trainanti, ma ci sono anche altre ragioni alla base del cambiamento. "Siamo convinti di poter aggiungere valore ai nostri clienti utilizzando autocarri a emissioni zero", afferma.

Il passaggio agli eTrucks pone diverse sfide ad Albert Heijn, spiega Hoenderdaal. "Stiamo imparando molto sui nostri camion elettrici e sui diversi tipi di infrastrutture nei nostri depositi. Abbiamo bisogno di avere la certezza di poter contare su caricabatterie e camion elettrici funzionanti 24 ore su 24, 7 giorni su 7", afferma. Spera che il passaggio ai sistemi di ricarica megawatt (MCS) standardizzi i protocolli operativi e fornisca una ricarica rapida riducendo i rischi. "Anche la robustezza della tecnologia potrebbe migliorare, ma naturalmente è ancora relativamente giovane. Sono abbastanza sicuro che i distributori di gasolio abbiano avuto diversi problemi 100 anni fa!", afferma Hoenderdaal con un sorriso.

Al di là degli sviluppi nella tecnologia di ricarica dei veicoli, Hoenderdaal è incoraggiato dai progressi compiuti nei Paesi Bassi per fornire la maggiore capacità di rete necessaria per il passaggio della società alla mobilità elettrica. Ma la transizione energetica richiederà sforzi, innovazione e investimenti significativi.

Heliox è al centro della strategia di Albert Heijn per il passaggio al trasporto elettrico. Abbiamo già installato e configurato con successo un nuovo caricatore da 300 KW e modificato due unità di ricarica esistenti per garantire una ricarica più rapida degli eTruck. Dopo il successo del progetto iniziale, stiamo ora collaborando con Albert Heijn per introdurre un'ulteriore gamma di caricabatterie per accelerare i suoi piani eTruck. Heliox installerà sei caricatori da 180 kW e un MCS per alimentare la flotta di Albert Heijn. Il progetto è stato finanziato dal Delta dei trasporti verdi - Elettrificazione fondo e sosterrà l'introduzione degli eTruck nelle aree urbane. Il primo MCS sarà in funzione entro l'estate del 2023.  

I nuovi caricatori saranno installati presso il deposito di Albert Heijn e faranno parte di una rete più estesa di caricatori necessari per alimentare i circa 50 eTruck di cui Albert Heijn ha bisogno. L'azienda sta adottando un approccio graduale all'installazione della capacità di ricarica, concentrandosi sulle aree urbane. Inoltre, Heliox sta esplorando le opzioni per fornire l'energia necessaria alla transizione di Albert Heijn verso gli eTruck, compreso lo stoccaggio di batterie su larga scala. Queste soluzioni avranno il duplice vantaggio di ridurre la pressione sulla rete elettrica e di garantire all'azienda tutta l'energia necessaria per la sua flotta.  

Albert Heijn sta sviluppando un approccio duplice per l'alimentazione della sua flotta di eTruck. "Vedremo sia caricatori lenti che veloci, a seconda del tipo di operazione che si svolge", afferma Hoenderdaal. "Nel caso di Albert Heijn, probabilmente si tratterà di una combinazione. Probabilmente metteremo ancora dei caricabatterie a corrente continua per le sessioni di ricarica notturna, ma poi speriamo di poterli passare alla ricarica lenta a 50 kW". Il business richiederà anche una ricarica più veloce, dice Hoenderdaal. "Quando avremo bisogno di una ricarica occasionale, potremo arrivare a 300-400, forse 500 kW. E ci aspettiamo vantaggi operativi dai caricatori da banchina".

Non si sopravvive nel mondo degli affari per quasi 150 anni senza abbracciare il cambiamento. Albert Heijn affronta in modo proattivo le sfide economiche e le pressioni ambientali per portare avanti gli eTruck. "Siamo convinti che sia necessario passare al trasporto a emissioni zero all'interno delle città", afferma Hoenderdaal. "Quando lo standard MCS sarà stabilito, speriamo anche di avere a disposizione un numero sufficiente di soluzioni per far fronte alla limitata capacità della rete. A questo punto, assisteremo sicuramente all'adozione su larga scala di camion, autoarticolati e rigidi elettrici", afferma Hoenderdaal.  

La partnership con Heliox è un enorme passo avanti verso un futuro più sostenibile per Albert Heijn. Insieme, stiamo dimostrando come una solida collaborazione e un'infrastruttura di ricarica robusta e scalabile possano trasformare un settore un camion alla volta".

Scarica il nostro rapporto sui camion elettrici
Condividi questo post
Nessun articolo trovato.
Condividi questo post

Rimanere nel giro

Fornisci la tua email per essere avvisato dei nuovi post del blog

Grazie! Ti sei iscritto.
Oops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.